Nell’edificio GUS 16 sono presenti due locali adibiti alla coltivazione di piccoli e medi volumi di microalghe dotati di scaffali e reattori per volumi da 10 fino a 450 L.

Strettamente funzionale a questi locali è stata poi dedicata una serra in cui sono presenti tre reattori a pale del tipo aperto “raceway” del volume di 3000 L ciascuno.
Il Centro da anni è un punto di riferimento per numerose aziende italiane produttrici di Spirulina a cui fornisce supporto tecnico-scientifico dalla fase di progettazione d’impianto, all’avvio e gestione delle colture fino alla raccolta, stabilizzazione e packaging del prodotto finito.

Oltre alla Spirulina il Centro ha messo a punto anche tecniche per la coltivazione di microalghe la cui produzione su scala commerciale non ha ancora player rilevanti almeno nel contesto italiano come la Chlorella spp, l’Haematococcus pluvialis (produttore del prezioso carotenoide Astaxantina) e la Dunaliella salina.

Oltre che per il settore alimentare la coltivazione di microalghe è stata portata avanti nel Centro anche per la cosmetica, settore nel quale è stato dato un rilevante contributo nella scoperta e trasferimento tecnologico di nuovi attivi dalle proprietà standardizzate. Infine, anche le alghe per il settore della mangimistica animale
(specialmente per l’allevamento di larve di pesci e di molluschi) ha da sempre un ruolo storicizzato e importante nelle attività del Centro.

Tra le attività che caratterizzano il Centro c’è la possibilità di produrre su commissione demo di nuove biomasse da alghe, cianobatteri e da altri microrganismi per aziende interessate allo sviluppo di nuovi prodotti su numerosi settori di applicazione. Insieme a queste attività il Centro fornisce lo sviluppo e il trasferimento di protocolli personalizzati di produzione e analisi tecnico-economiche dei processi modellati anche su scala industriale.

Ad oggi il centro ha all’attivo svariate decine di Convenzioni di Ricerca e Sviluppo effettuate con Aziende ed Enti pubblici per le competenze specifiche sulle microalghe nei settori della cosmetica, nutraceutica, alimentare e per le applicazioni energetiche.

Oltre all’attività di coltivazione alla luce (autotrofia) il Centro negli anni ha sviluppato e consolidato esperienza nella produzione di organismi eterotrofi e tessuti indifferenziati di vegetali superiori per lo sviluppo di prodotti ad alto valore aggiunto.

Tra queste produzioni piccano quelle dei protisti fungal-like come l’Auratochitrium sp. e il Phytium sp. rispettivamente per la produzione degli acidi grassi polinsaturi a lunga catena docosaesaenoico (DHA) ed eicoisapentaenoico (EPA) e la Galdieria sulphuraria per la produzione di attivi per la cosmetica.

CAISIAL
Centro di Ateneo per l'innovazione e
lo Sviluppo dell'Industria Alimentare

Via Università 133 – Parco Gussone  80055 – Portici (NA)
caisial@unina.it